versione italiana  english version
Dopo anni di esperienza con clienti diversi, mercati nazionali ed internazionali, utilizzo di svariati macchinari tecnici, il nostro prodotto di punta si è andato definendo nella Vite Spurgo.

Si tratta di un particolare di sicurezza che permette, dopo il cambio dell’olio dell’impianto frenante, di spurgare l’aria dal circuito e garantire la corretta frenata del veicolo.
Attualmente tale componente rappresenta circa il 90% della produzione totale. Questo prodotto trova applicazione nelle auto, nelle moto, negli autocarri; ma anche treni, aerei, navi, biciclette.

Nel corso degli anni si sono aggiunte anche produzioni nel ramo degli ammortizzatori, dei serramenti, dell’industria agricola ed edile e dell’oleodinamica.

A partire dal 2006, per mezzo di un sofisticato software centralizzato, monitoriamo il processo di produzione: tutte le macchine sono collegate ad un server che gestisce e registra in automatico i controlli qualità, le manutenzioni, il cambio utensile e le attività del personale addetto alla produzione.

Un altro supporto informatico pianifica la produzione indicando in tempo reale il carico macchina e la saturazione.
Vengono effettuati studi e statistiche sulla produttività delle nostre macchine, puntualità di consegna e sulla soddisfazione del cliente.
Ogni fermo macchina è registrato e analizzato; così come ogni intervento di manutenzione ordinaria e straordinaria su appositi moduli elettronici.
Anche la materia prima, l’utensileria e le attrezzature sono sotto controllo grazie ad un software di magazzino di scorte minime.
Alcuni numeri:
La produzione della Tecnova è attualmente organizzata su tre turni per cinque giorni alla settimana, durante i quali personale appositamente formato con mansioni diverse e specifiche alterna set-up macchina, regolazioni, controlli e altre attività altamente specializzate.
I volumi attuali si aggirano intorno ai 2-3 milioni di pezzi al mese (~ 30-35 milioni all’anno), ma la capacità produttiva sta rendendo possibile un aumento graduale, in particolare dovuto ai nuovi mercati esteri.